• Energie rinnovabili news

    photo by Jason Blackeye
    Read More
  • Energia solare

    photo by Gustavo Quepon
    Read More
  • Energie rinnovabili news

    photo by Jason Blackeye
    Read More
  • Energia elettrica

    photo by Arkady Lifshits
    Read More
  • Parchi eolici

    photo by Karsten Wurth
    Read More
  • La terra vista dal satellite

    photo by NASA
    Read More
  • Energie rinnovabili news

    photo by Jason Blackeye
    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

La società geotermica ungherese PannErgy ha annunciato che i risultati degli scavi geotermali nella zona di Miskolc-Mályi hanno coperto un'area maggiore di quella prevista. Per questo, fa sapere la PannErgy, saranno necessari alcuni pozzi in più di quelli messi in conto.


La fonte scoperta, continua la PannErgy, è sufficiente per la produzione di energia elettrica. In seguito a queste dichiarazioni, il prezzo delle azioni di PannErgy ha raggiunto un picco di 885 HUF nel corso della mattinata e si è poi stabilizzato a 855 HUF, in rialzo del 5,7% rispetto alla chiusura di venerdì scorso.

La profondità massima che era stata preventivata per questa operazione di scavo, 2310 metri, è stata raggiunta il 23 agosto, quando i macchinari hanno incontrato una riserva geotermica di acqua a 110-120 gradi con un gettito che raggiunge i 4.200-5.400 litri al minuto (circa 70-90 litri/secondo). 

“Il risultato dello scavo va molto oltre le aspettative iniziali di PannErgy. – commenta la società – L'alto gettito dell'acqua consente l'implementazione dell'intero progetto  di riscaldamento geotermale per Miskolc.” Il progetto, nel Nord-Est dell'Ungheria, si chiama Miscolc Geotermia Jsc., ed è stato registrato nell'agosto del 2009 da Pannergy, che ne detiene il 90%, in joint venture con la Miskolc Heating Ltd., che possiede il restante 10% tramite il comune di Miskolc. Quello a Miskolc è un progetto di importanza cruciale per PannErgy, dato che, spiega la compagnia: "il mercato del riscaldamento di Miskolc è grande, a confronto con quelli di altri centri ungheresi e il nostro progetto copre parte importante di questo fabbisogno."




Fonte: economia.hu

OUR SPONSORS

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo