• Energie rinnovabili news

    photo by Jason Blackeye
    Read More
  • Energie rinnovabili news

    photo by Jason Blackeye
    Read More
  • Parchi eolici

    photo by Karsten Wurth
    Read More
  • Energia elettrica

    photo by Arkady Lifshits
    Read More
  • La terra vista dal satellite

    photo by NASA
    Read More
  • Energia solare

    photo by Gustavo Quepon
    Read More
  • Energie rinnovabili news

    photo by Jason Blackeye
    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

 

Uno "skipper-animatore" che avrà il ruolo di insegnare ai giovani turisti e navigatori, oltre alle tecniche della vela, il rispetto del mare e la salvaguardia della biodiversità.

 

A questa nuova figura professionale ha pensato il progetto MedMySea, finanziato dall’Unione Europea con il programma Interreg III B Archimed, coordinato dall’Irat del Cnr di Napoli, che promuove una selezione rivolta a 40 giovani cittadini europei, dai 18 ai 30 anni, in possesso di diploma di maturità e con discreta conoscenza della lingua inglese, da formare come esperti di astronomia, storia antica, biologia marina.

 

Il bando del corso di formazione è stato indetto dal dipartimento di studi giuridici, politici e sociali "Persona Mercato e Istituzioni PE.ME.IS." dell’università del Sannio, in collaborazione con Assonautica Sicilia e la stazione zoologica Anton Dohrn, tutti partner del progetto MedMySea.

 

Attraverso una crociera-studio nel sud del Mediterraneo, con una flotta di quattro barche a vela, i quaranta giovani skipper trascorreranno quindici giorni di formazione intensiva. A loro sarà insegnata la storia del Mediterraneo e delle sue civiltà, la biologia marina, la meteorologia e l’astronomia. Una preparazione culturale che si unirà a quella specifica sulla sicurezza e le tecniche della navigazione a vela, dalla preparazione delle rotte, alla navigazione notturna, all’immersione subacquea.

 

"Grazie alle capacità acquisite durante il corso", dice Alfonso Morvillo, direttore dell’Irat-Cnr, "lo skipper-animatore sarà capace non solo di governare una barca a vela e mantenere il controllo a bordo, ma anche di coinvolgere e sensibilizzare l’equipaggio alla valorizzazione dell’identità culturale e delle risorse del Mediterraneo". Il corso di formazione, gratuito, si svolge a Palermo presso la sede di Assonautica, dal 7 al 20 luglio.

 

Fonte: www.agenziaaise.it

OUR SPONSORS

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo