• Energie rinnovabili news

    photo by Jason Blackeye
    Read More
  • Energia solare

    photo by Gustavo Quepon
    Read More
  • La terra vista dal satellite

    photo by NASA
    Read More
  • Energie rinnovabili news

    photo by Jason Blackeye
    Read More
  • Energia elettrica

    photo by Arkady Lifshits
    Read More
  • Energie rinnovabili news

    photo by Jason Blackeye
    Read More
  • Parchi eolici

    photo by Karsten Wurth
    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

L´Ungheria deve aumentare la produzione e l´uso di energia solare e termica, per ridurre la quota d´importazione di petrolio e gas. Lo ha dichiarato il ministro dell´ambiente e delle risorse idriche dell´Ungheria, Miklos Persanyi, nel corso di una conferenza del settore industriale, svoltasi martedì 10 aprile. La notizia è ripresa dal Budapest Business Journal.

``Nei prossimi cinque, massimo dieci anni, la quota di energia solare e termica in Ungheria potrebbe raggiungere il 10-20 percento di tutti i carburanti minerali importati, ´´ ha detto Persanyi. Attualmente, l´Ungheria importa circa il 70 percento del fabbisogno di carburanti minerali. La situazione minaccia la sicurezza energetica del Paese, secondo gli esperti del settore che sono intervenuti alla conferenza. Persanyi ha rilevato che aumentando la produzione interna di energia solare e termica l´Ungheria potrà diminuire la propria dipendenza dalle importazioni.
Nel frattempo, l´Ungheria è risoluta a raggiungere gli obiettivi programmati recentemente in una proposta dell´UE, e ad aumentare perciò la quota di energia rinnovabile fino a raggiungere, entro il 2020, il 20 percento di tutta l´energia prodotta. Per l´Ungheria, nello specifico, ciò significa aumentare la quota di carburanti rinnovabili fino a raggiungere il 7-7,2 percento del totale entro il 2013, per arrivare al 14-15 percento del totale entro il 2020.
Attualmente, circa il 5-6 percento del fabbisogno energetico ungherese è generato da fonti rinnovabili, ma gli esperti presenti alla conferenza hanno rilevato che il potenziale di crescita futuro è ristretto principalmente alla biomassa, perché l´Ungheria manca di capacità di produzione di energia idrica o eolica, a causa delle proprie condizioni geografiche.
Allo stesso tempo, Persanyi ha rilevato che l´energia solare e termica dovrebbe essere considerata come obiettivo, poiché queste fonti di energia sono le meno dannose per l´ambiente rispetto alle altre fonti rinnovabili potenzialmente utilizzabili in Ungheria,

fonte: portalino.org

OUR SPONSORS

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo